mercoledì 16 maggio 2018

RAZIONALITÀ E LEADERSHIP: COME EVITARE LA PARALISI DECISIONALI

La prima cosa che dovremmo apprendere è che, affrontando una crisi, si sbaglia sempre qualcosa. L'ha capito a sue spese anche il presidente Obama a cui, l'ex spin doctor David Axelrod, ha attribuito questa frase “This shit would be really interesting if we weren't right in the middle of it”. Il consulente intervistato da Bloomberg ha bocciato il presidente proprio nella modalità di comunicare alla nazione le numerose crisi, compresa l'emergenza Ebola: “E' stato troppo razionale, poco empatico ragiona come un professore di diritto, ma a volte la sola logica non funziona …Quando succedono fatti imprevisti e fuori controllo la gente viene presa dal panico e per rassicurarla vanno usate le parole giuste e non bollettini asettici da tecnocrate liberale”.





"Quando una persona esaspera il proprio essere razionale e analitico diventa causa di paralisi per se stesso e per chi lo circonda. Ci si perde in dettagli inutili che rallentano il procedere delle cose senza un vero e proprio motivo. Come coniugare la capacità di porre attenzione ai dettagli con la concretezza e l’efficacia?"  - spiega Stefano Pigolotti, Professional Coach e Imprenditore.  
"Quando io ho una predisposizione razionale, quindi ho nella mia principale caratteristica la rapidità nell’analizzare una situazione con tutte le sue variabili per poi prendere una decisione, validandola prima per me rispetto al mondo, rischio quando l’analisi (questo bellissimo talento)  mi sfugge di mano. Generarndo la paralisi decisionale. Perché continuo a immaginarmi nuove variabili. Quella che potrebbe essere la capacità di ordine, di tenere tutto in ordine sulla propria scrivania, così come nella propria casa, così come nella propria vita, diventa pedanteria"

I problemi vanno risolti, non vanno solo analizzati

"A volte sbaglierete - conclude Pigolotti -  perché sbagliamo costantemente, a volte invece farete bene, e quando farete bene la cicatrice mnemonica che si genererà nel vostro cervello sarà una cicatrice positiva che vi aiuterà a rifare la stessa cosa la volta dopo, con più serenità è più rapidità".

Non esiste una ricetta o un format unico per tutti, perchè ognuno di noi è diverso.
  • Sei stanco di insuccessi
  • La tua frustrazione ha toccato il massimo storico?
  • Vuoi aumentare le tue performance?
  • Vuoi raggiungere i risultati migliori negli ambiti strategici della tua vita?
  • Vuoi conoscere le tue aree di maggior potenziale e quello su cui puoi migliorare?
  • Vuoi sentirti gratificato raggiungendo il meritato successo?
  • Vuoi potenziare il tuo talento?
  • Sei stanco di percorsi formativi che non tengono conto di cosa puoi permetterti?

Prova i corsi skills empowerment: una  sfida è quella di individuare chi sei (Check) per poi consigliarti il tuo percorso evolutivo personale (Empowerment) efficace e sostenibile.


Leggi anche
STEFANO PIGOLOTTI ILLUSTRA LA TEORIA DI NUDGE CONTRO LA CRISI DEL PREMIO NOBEL RICHARD THALER



Nessun commento:

Posta un commento